«VIVA MARIA SANTISSIMA DI CUSTONACI»

Come tradizione ieri, ultimo mercoledì d’agosto, ad Erice è uscita in processione la Madonna di Custonaci, patrona di tutto l’Agroericino. La processione della Madonna di Custonaci è sicuramente una tra le più belle e suggestive che si tengono del comprensorio, complice anche la meravigliosa location del borgo medievale ericino. L’immagine di Maria Santissima ha percorso le vie del borgo medievale accompagnata da un autentico bagno di folla, sfiorando i balconi, archi ed i fili della luce, spesso salutata dal lancio dei petali di rose e dallo scampanio delle campane. Il tutto con l’autentico abbraccio della devozione dei fedeli, che con le loro preghiere hanno aperto il corteo religioso ed il sottofondo delle note della banda città di Paceco. Il passaggio della grande quadro della Madonna di Custonaci tra le vie acciottolate del centro storico ericino ha regalato forti emozioni. Un momento importante per la comunità ericina e per chi, ogni anno, si occupa della processione. Anche perché nella macchina organizzativa c’è l’impegno di molte famiglie che si tramanda di generazione in generazione. E ad Erice l’ultimo mercoledì di agosto è davvero festa grande, con tutte le abitazioni di Erice vengono aperte per il passaggio della Madonna, a prova del forte legame tra i muntisi e la Vergine. La ricorrenza ogni anno fa da richiamo a tantissimi visitatori. E ieri il borgo medievale era davvero gremito di persone, sia tra le stradine acciottolate che in piazza Umberto Primo o in quella di San Giuliano, dove ad attendere l’immagine della Vergine c’erano migliaia di persone. Quest’anno poi, per la prima volta, la vara della Madonna è stata trasportata a spalla da un gruppo di portatori volontari arrivati da Trapani, con in testa l’associazione “Simulacro dell’Addolorata” di Emanuele Barbara.

Fonte : http://www.telesud3.com

 

Scrivi il tuo commento