“METTIAMOCI IN GIOCO”, INIZIATIVA CONTRO GIOCO D’AZZARDO E LUDOPATIE

Si svolgerà domani, nella sala conferenze del Seminario vescovile, con inizio alle 9.30, l’iniziativa – promossa dal Comune di Erice in collaborazione con l’Osservatorio per la legalità di Trapani e con il patrocinio del Senato della Repubblica – dal titolo “Azzardo: non chiamiamolo gioco!” rivolta agli alunni delle scuole medie del territorio comunale ericino. Nell’occasione il responsabile regionale Gino Gandolfo illustrerà la campagna nazionale contro i rischi del gioco d’azzardo “Mettiamoci in gioco”. A seguire la presentazione della mostra “Azzardo: non chiamiamolo gioco” a cura del vignettista Bedusci e la relazione “I rischi del gioco d’azzardo sulla salute” del pediatra Giuseppe Vinci.
L’Osservatorio per la legalità di Trapani, infatti, ha aderito alla campagna nazionale “Mettiamoci in Gioco” contro le ludopatie e il gioco d’azzardo e ha elaborato un progetto che coinvolgerà rappresentanti delle Istituzioni, sindaci e il governo regionale a cui si chiede di disciplinare il fenomeno attraverso una normativa regionale specifica, concedendo più poteri di controllo ai primi cittadini. Con una sentenza pronunciata di recente, la Corte Costituzionale, infatti, ha stabilito che “sono legittime le restrizioni all’attività di organizzazione e gestione dei giochi pubblici affidati in concessione per garantire un livello di tutela dei consumatori particolarmente elevato e padroneggiare i rischi connessi a questo settore”.
“Abbiamo avviato l’iniziativa di domani – spiega il presidente dell’Osservatorio per la legalità, avvocato Vincenzo Maltese – in attesa di poter incontrare il presidente della Commissione Regionale Antimafia, Nello Musumeci e il parlamentare regionale Girolamo Fazio, che è uno dei componenti della stessa commissione, per discutere del progetto insieme ai referenti regionali della campagna “Mettiamoci in Gioco”.

Fonte:www.trapanioggi.it

 

 

 

Scrivi il tuo commento