Al via i festeggiamenti per San Giuseppe alle Isole Egadi

Hanno preso il via il 10 marzo alle Egadi le iniziative legate alla Festa di San Giuseppe, una delle ricorrenze più sentite dalla comunità, di Marettimo e Levanzo in particolare, che prevede una serie di appuntamenti organizzati dal Comitato Religioso dei Festeggiamenti, con la Parrocchia Maria SS delle Grazie di Marettimo e il Patrocinio del Comune di Favignana – Isole Egadi.

La ricorrenza viene seguita dall’Amministrazione Comunale e dalle istituzioni isolane con grande partecipazione in tutte e tre le isole: a Favignana a partire dalle ore 10 del 19 marzo, giorno della Festa, è previsto il giro della Banda musicale per le vie dell’isola, alle ore 10.30 la Santa Messa seguirà il rito della “Tuppuliata” con pranzo in piazza e una rappresentazione della Sacra Famiglia; alle ore 17 la Santa Messa e la processione, con rientro a Sant’Anna, e alle ore 21 a Cava Sant’Anna una serata di ballo con “Rosario” e degustazione di un dolce tipico della Festa di San Giuseppe.

Le celebrazioni in onore del Santo Patrono a Marettimo hanno avuto inizio sabato con la “Scinnuta” delle statue di San Giuseppe e San Francesco di Paola e fino al 18 marzo alle ore 17:30 si terrà la “Novena” in preparazione della Festa di San Giuseppe con Santa Messa e Omelia. L’immagine del Santo viene incorniciata presso gli “Altari” che le famiglie allestiscono nelle proprie case, e nel corso dei giorni ricchi di iniziative la popolazione viene interamente coinvolta, protagonista assieme alle istituzioni – il sindaco, Giuseppe Pagoto e il vice sindaco, Enzo Bevilacqua – di tutta una serie di riti della tradizione.

L’atmosfera di festa è già viva dal 17 marzo, l’antivigilia, per l’alza bandiera con l’effigie di San Giuseppe e l’arrivo della banda musicale, che attraversa le vie del paese e raccoglie fondi per un particolare rito. La sera, infatti, tutta la popolazione assiste al rito della “Duminiara”. Si fanno ardere tre cumuli di legna composti da arbusti raccolti sull’isola e fatti essiccare per qualche giorno; i tre fuochi rappresentano la Sacra Famiglia: per tradizione nel fuoco centrale si bruciavano le vecchie barche al grido di “Evviva u Patriarca di San Gnuseppe”, seguito da un corale “Vivaaa”.

Questo il programma dettagliato per Marettimo:

Sabato 17 Marzo:

ore 10:00 – Giro bandistico per il paese

ore 11:00 – Alzabandiera in presenza delle autorità con l’effigie di San Giuseppe

ore 15:00 – Giochi folkloristici in Piazza Umberto

ore 21:30 – Spettacolo Musicale con la Lab Orchestra di Massimo Minutella e il cabaret con “I Respinti”

Domenica 18 Marzo:

ore 08:30 – Giro bandistico per il paese

ore 10:00 – Giochi folkloristici in Piazza Umberto

ore 17:30 – Santa Messa

ore 18:30 – Cerimonia della “Duminiara” con l’accensione dei tre falò in onore di Gesù, Maria e Giuseppe

ore 21:30 – Spettacolo Musicale e Varietà con il cabaret de “I Badaboom”

Lunedì 19 Marzo

Ore 10:00 – Santa Messa in Piazza

Ore 11:00 – Cerimonia “dell’Alloggiate” e pranzo in piazza offerto alla Sacra Famiglia

Ore 16:00 – Processione delle statue raffiguranti San Giuseppe e San Francesco di Paola.

– Giochi pirotecni.

Anche quest’anno sarà possibile seguire le iniziative legate al Santo Patrono a Marettimo in streaming: dalle 10 del mattino di domenica 18 marzo, sul canale youtube del sito on line Tvio.it, una foto sulla home page rimanderà al collegamento: un modo per rendere partecipi i tanti marettimari lontani dalla propria isola che non hanno mai dimenticato le loro origini e le loro tradizioni.

Anche Levanzo è pronta per le iniziative religiose legate alla Festa e il 19 marzo è in programma la tradizionale Processione che attraverserà le vie del paese.

Sull’isola, inoltre, è in programma lo spettacolo proposto dall’Associazione culturale Terronika, con l’Orchestra Basarab che si esibirà in canti e melodie di differente etnia il 18 marzo alle ore 19.

A Marettimo, intanto, si sono conclusi nei giorni scorsi i lavori di restauro, eseguiti a Trapani nella chiesa di San Nicola, della sacra scultura di “San Francesco di Paola”, custodita presso la chiesa Maria SS delle Grazie e che verrà portata in processione il 19 marzo assieme alla Statua di San Giuseppe. Le fasi di restauro sono state eseguite da Elena Vetere e dalla sua equipe e l’iniziativa è stata realizzata con il contributo della Parrocchia Maria SS delle Grazie guidata da Padre Bruno Moras e dal “Comitato Festeggiamenti San Giuseppe” con il sostegno del Comune di Favignana – Isole Egadi. La statua è risalente al XIX secolo, di autore ignoto,

 La figura di San Francesco di Paola, ‘u Santu Patri’, com’è conosciuto sull’isola di Marettimo e in tutta la Sicilia, è particolarmente legata alla sua proclamazione di “Celeste Patrono dei Marittimi d’Italia”, quindi patrono dei naviganti e dei pescatori, in memoria della leggenda riferita alla sua traversata dello Stretto di Messina utilizzando il proprio mantello a mo’ di barca.

Fonte: http://www.tvio.it

Scrivi il tuo commento