Castellammare e il “Giardino delle farfalle” per riqualificare le aree verdi della città

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Nasce a Castellammare del Golfo il progetto “il Giardino delle farfalle” rivolto alla riqualificazione delle aree verdi della città, e per la salvaguardia di farfalle e falene. “Il progetto – spiega l’organizzatore Nicolò Lentini, amministratore del Gruppo Facebook “Sei di Castellammare del Golfo se…” – è rivolto a puntare l’attenzione sulle aree verdi, in modo da averne più cura. Nei prossimi giorni delimiteremo delle zone e pianteremo dei semi di piante e fiori selezionati dagli Entomologi dell’Università di Bologna tra quelli più amati dalle farfalle e dalle loro larve, da piantare anche sul davanzale di casa”.

“Recenti studi – si legge nella descrizione del kit che sarà acquistato dagli aderenti al progetto – hanno decretato che almeno il 40% delle farfalle europee sta scomparendo. Per questo i ricercatori di Eugea hanno messo a punto un “giardino” contenente piante fiorite con nettare particolarmente gradito alle farfalle adulte e finocchio selvatico, la pianta nutrice del Macaone, la più bella farfalla italiana.”

“Il 15 ottobre – sottolinea Lentini – chiuderemo le segnalazioni delle aree interessate oltre alla villa Olivia e la villa Margherita. Dal 15  al 30 ottobre inviteremo gli aderenti ad acquistare il kit. Quando sarà il periodo della semina pianteremo i semi delimitando l’area con dei nastri colorati e apporremo i cartelli. Al progetto – conclude – hanno già aderito diverse persone e associazioni locali e un’insegnante coinvolgerà anche le scuole”.

Si creeranno quindi delle piccole oasi nelle aree verdi della città di Castellammare del Golfo dove le farfalle potranno nutrirsi e deporre le uova. Il kit contiene semi di cosmos, zinnia, facelia e finocchio selvatico in quantità sufficiente per coltivare almeno un vasetto di 20 cm di diametro per ogni pianta.

Per ulteriori informazioni contattate il gruppo facebook: “Sei di Castellammare del Golfo se…”

Fonte: http://www.alqamah.it

 

Scrivi il tuo commento