DEGRADO E GUASTI ALL’UFFICIO POSTALE DI VIA PLATAMONE, LA SEGNALAZIONE DI UIL POSTE

Intonaci pericolanti, un ascensore guasto da due anni, cancelli chiusi con catenacci che limitano le vie di fuga di lavoratori e utenti in caso di pericolo. Queste le disfunzioni negli uffici delle Poste Italiane di via Platamone segnalate dal segretario generale della Uil Poste di Trapani Giuseppe Rallo che ha anche provveduto a segnalarle all’ufficio “Prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro” dell’Asp. “Nello scorso mese di maggio – spiega Rallo – ho segnalato all’Azienda le carenze strutturali e in materia di sicurezza sul lavoro di tale ufficio postale. Purtroppo tale segnalazione è caduta nel vuoto, non tanto per la mancata risposta da parte degli interessati alla Federazione che rappresento, quanto, in concreto, per il silenzio verso i lavoratori impiegati presso il centro di via Platamone, concernenti soprattutto la chiusura di due cancelli con catena e catenaccio che mettono a rischio, da un lato, gli autisti dei furgoni aziendali limitandogli le manovre, dall’altro, i lavoratori e gli utenti riducendo le eventuali vie di fuga”.
“Ho più volte segnalato verbalmente a Poste Italiane – aggiunge il segretario Uil Poste – le problematiche relative all’utilizzo dell’unico ascensore rimasto in funzione dopo che l’altro è guasto da due anni e il degrado di parti di intonaci con relativi crolli, nonché la progressiva aggressione della ruggine alle parti metalliche di cancelli, ringhiere e grondaie”.
Il sindacalista segnala, infine, all’Asp un ulteriore grave episodio: “A causa di un guasto del centralino telefonico avvenuto ormai sei mesi fa, l’operatore non vedente assegnato a questo compito è costretto a stare in ufficio con l’umiliazione di non poter svolgere il proprio lavoro”.

Fonte: www.trapanioggi.it

Scrivi il tuo commento