EMERGENZA MIGRANTI, AL LAVORO SECONDA COMMISSIONE TERRITORIALE

E’ operativa da una decina di giorni la seconda commissione territoriale che si occupa dell’esame delle richieste di asilo presentate dagli extracomunitari giunti nel Trapanese. Lo ha annunciato stamane, nel corso del consueto incontro con la stampa, il Prefetto Leopoldo Falco. Ciò dovrebbe consentire di smaltire in tempi più brevi sia l’arretrato fin qui accumulato, sia le nuove richieste destinate ad essere presentate dato il perdurare di arrivi – l’ultimo un paio di settimane fa – di migranti soccorsi e recuperati nel Mediterraneo e condotti poi nel porto trapanese.
Sempre in tema di gestione dei migranti, Falco ha spiegato che la chiusura del Cara di Salinagrande, prevista inizialmente per il prossimo 28 febbraio, è stata posticipata alla fine del mese di marzo per consentire la conclusione delle trattative in corso con i sindacati. Si sta lavorando, infatti, per garantire la ricollocazione in altri centri di accoglienza del personale finora impiegato nella struttura, che risulta in esubero. Rallentamenti anche nell’attivazione dei nuovi centri d’accoglienza sul territorio provinciale che dovrebbero garantire un totale di 600 nuovi posti. Sono, attualmente, in corso le verifiche, da parte degli uffici della Prefettura, sulle aziende che hanno preso parte alla gara d’appalto, come disposto dal Ministero dell’Interno. Il prefetto ha annunciato l’esclusione di una ditta che aveva presentato un’offerta per la copertura totale dei posti a bando.

Fonte: www.trapanioggi.it

 

 

Scrivi il tuo commento