FAVIGNANA, FUNZIONA LA MACCHINA DEI SOCCORSI: SALVATA LA VITA AD UN PAZIENTE

FAVIGNANA. La macchina organizzativa per salvare la vita di un paziente di Favignana ha funzionato abbastanza bene con l’intervento dell’elisoccorso per il trasporto dall’isola a Palermo. Questi i fatti: alle ore 21,00 di martedì un uomo di 41 anni P.P. accompagnato dalla moglie si è presentato al posto di guardia medica di Favignana, dove erano in servizio i medici Santina Russo, Domenico Caico e l’infermiere Baldo Scaturro. Il personale in servizio ha constatato che l’uomo presentava sintomi talmente gravi da richiedere un urgente ricovero ospedaliero. Effettuate quindi alcune cure il paziente è stato tarsferito – secondo quanto dichiara Baldo Scaturro – nell’area dove ad attenderlo c’era l’elicottero vista l’urgenza che il caso richiedeva.

Ma, secondo notizie in nostro possesso, comunque, le condizioni del soggetto erano talmente critiche che non sarebbe stato opportuno trasportare il soggetto interessato all’ospedale «Sant’Antonio Abate» del capoluogo, dove il reparto di cardiologia pur disponendo di 32 posti letto sulla carta, di fatto ad oggi conta 40 ricoverati. «Nel reparto di cardiologia del nostro ospedale – dice al riguardo il direttore del nosocomio Francesco Giurlanda – vengono eseguiti tra l’altro interventi di angioplastica, ma se sono interessati i tronchi principali il paziente deve essere ricoverato in un reparto di cardiochirurgia». E, come è noto, nè all’ospedale Sant’Antonio nè in altri nosocomi della provincia di Trapani vi è un reparto di cardiochirurgia per la cui realizzazione si è battuto qualche anno addietro il cardiochirurgo mazarese Giuseppe Bianco non trovando risposte positive da parte della Regione. Il paziente di Favignana è stato così trasportato in elisoccorso al Policlinico di Palermo.

Fonte:www.gds.it

 

Scrivi il tuo commento