Gli tolgono il menisco, ma non era necessario: denunciata una clinica di Trapani

Gli hanno tolto il menisco. Poi, però, si è scoperto che non era necessario. Nell’occhio del ciclone finisce una clinica di Trapani.

 Un altro possibile caso di malasanità è stato denunciato con una querela presentata alla Procura di Marsala contro una nota clinica privata di Trapani convenzionata con il Servizio sanitario nazionale.

A presentare la denuncia, dopo essersi consultato con un legale, l’avvocato Vincenzo Forti, è stato un marsalese di 34 anni (G.A.). “Il ginocchio mi faceva male – spiega G-A. – e così i medici di una clinica privata, dopo una risonanza magnetica, decisero di togliermi il menisco. Tempo dopo, però, il dolore, anziché diminuire, aumentò e così, grazie al consulto con altri medici, ho scoperto che il menisco che mi è stato asportato non aveva alcuna lesione!”. I reati ipotizzati nella querela sono lesioni personali e aggravate e truffa allo Stato. Quest’ultimo reato perché G.A. ha spiegato di avere scoperto che i responsabili della clinica hanno dichiarato che lui, per quell’intervento chirurgico, era stato ricoverato per ben sei giorni, anziché uno come era in realtà accaduto. La clinica, quindi, dal Servizio sanitario nazionale ha indebitamente incassato quanto previsto per cinque giorni di ricovero. Ma quello che più brucia al 34enne marsalese è l’asportazione del menisco senza che, a quanto pare, ve ne fosse bisogno. La vicenda inizia lo scorso anno, quando G.A., avvertendo dei “fastidi al ginocchio sinistro”, decise di sottoporsi ad esami diagnostici ed intervento chirurgico presso una clinica privata della provincia. Dopo l’intervento, però, i fastidi al ginocchio, anziché sparire, aumentarono. Per questo motivo, lo sfortunato giovane decise di mostrare alcuni certificati medici di cui era in possesso ad un specialista di Mantova, il dottor Marco Nobis, che dopo avere visionato la Risonanza magnetica che indusse i medici della clinica a disporre il ricovero e l’intervento al ginocchio, ha scoperto che proprio da questa risonanza “non appariva alcuna lesione meniscale tale da rendere necessario un intervento chirurgico”. E anche un medico ortopedico dell’ospedale di Marsala ha confermato “l’inesistenza di lesioni al ginocchio”. Adesso, la palla passa alla magistratura.

Fonte: http://www.tp24.it

 

Scrivi il tuo commento