LA TRAGEDIA DI FICO, OGGI I FUNERALI DI RAFFAELE

Ventinove anni, Raffaele li avrebbe compiuti proprio oggi che è il giorno dell’addio, del doloroso commiato, dell’ultimo viaggio. Quello senza ritorno.Saranno celebrati, questo pomeriggio alle 15, alla Cattedrale San Lorenzo, i funerali di Raffaele Emanuele Fontebrera vittima dell’incidente stradale verificatosi, sabato sera, in contrada Fico, nel territorio di Valderice, sulla Statale 187. Un raduno di appassionati di moto ha avuto un epilogo imprevedibile, sulla via del ritorno, dopo una breve pausa in un bar per un caffè da condividere con gli amici prima di far rientro a Trapani. I caffè li aveva offerti Raffaele perché lui era così: generoso, altruista, solare. In curva, poi, la tragedia. Per cause in corso di accertamento, il giovane ha perso il controllo della sua moto, una Honda 600, ruzzolando sull’asfalto. Inutile la corsa all’ospedale. Ventinove anni fa nasceva Raffaele. I funerali  nel giorno del suo compleanno  hanno reso ancora più tragica una vicenda che ha scosso tutti. Raffaele, titolare di una officina meccanica, era sposato. Da poco. Lo scorso 16 settembre, aveva toccato il cielo con un dito, convolando a nozze con la sua Katia. “Ti aspetto all’altare , amore mio”, aveva scritto lo sposo nel suo profilo Facebook la mattina del grande giorno per condividere la sua felicità per aver coronato un sogno.  Frattanto, sulla strada, teatro dell’incidente mortale, un mazzo di fiori è stato attaccato al guard-rail. Una strada pericolosa la Statale 187: avvallamenti, asfalto sdrucciolevole mettono in pericolo, con cadenza quotidiana, l’incolumità di quanti la percorrono. Pericolosità che aumenta la notte quando l’arteria rimane al buio. Tempo fa il sindaco di Valderice, Mino Spezia, a seguito di rilevamenti fotografici effettuati dalla polizia municipale, fece una segnalazione all’Anas per denunciarne le criticità. Nessuno intervento, però, finora – come sottolineano gli automobilisti- è stato adottato per la messa in sicurezza della Statale. Sabato sera l’ultima tragedia, sempre su  quella strada che aveva già spezzato altre vite.

Fonte: www.telesud3.com

 

Scrivi il tuo commento