L’Urban Street Art ad Erice

Scalinate che diventano autentiche opere d’arte ed istallazioni realizzate nelle stradine e negli angoli più suggestivi del borgo medievale. Il tutto con il filo conduttore del mito di Venere, con l’immagine femminile della dea dell’amore che accompagna i visitatori in un viaggio all’insegna della bellezza. Erice è diventata così una grande laboratorio creativo, con dieci artisti che hanno dipinto le loro opere in diversi punti del centro storico ericino, regalando un bellissimo colpo d’occhio. A partire dalla scalinata dell’ingresso del giardino del Balio, dove ha preso forma l’immagine di una donna in uno sfondo blu, che ricorda il mare, da dove, si dice, che sia nata Venere. Dando così il benvenuto nell’Urban Street Art Erice, iniziativa, con la direzione artistica dell’architetto Arianna Maggio inserita nell’ambito del programma “Ericestate” promosso dal Comune di Erice e dalla Fondazione Erice Arte. “La street art ad Erice – ha spiegato il direttore artistico Arianna Maggio – non è un intento decorativo, non vuole abbellire l’ambiente semmai comunicare attraverso di esso. Lo scopo dell’intervento artistico non è di riqualificazione urbana ma di dialogo e di stretta relazione con l’ambiente e il contesto storico urbano. Un perfetto connubio tra arte e architettura che vede le opere contemporanee, eseguite su pannelli mobili e su installazioni temporanee, inserirsi nei portali, sulle pareti, lungo le vie e nel verde del giardino del Balio senza stravolgere l’identità del luogo. Le opere della urban street art devono piacere per poter vivere, devono essere cariche di significato, devono attirare l’attenzione di chi le guarda e coinvolgere lo spettatore. La scelta di artisti “siciliani” che si contraddistinguono per la loro creatività, tecnica e personalità artistica arricchisce – ha concluso Arianna Maggio – attraverso le loro opere il percorso che si sviluppa con il Mito di Venere dal Castello, al giardino del Balio e nella città lungo l’asse viario delle vie Roma e Vittorio Emanuele fino all’enoteca di Erice”. Ed il sindaco Daniela Toscano ha voluto ringraziare personalmente i gli artisti che hanno partecipato all’iniziativa, complimentandosi con loro nel corso di un incontro tenuto all’enoteca comunale di viale Conte Pepoli. Presente all’iniziativa anche il dirigente del settore cultura Toto Denaro, tra gli ideatori dell’Urban Street Art ad Erice. Le opere, realizzate in questi giorni nelle strade del borgo medievale con gli artisti all’opera tra i passanti, in alcuni casi anche tra musica e danze, resteranno in esposizione ad Erice fino a settembre.

 

Fonte: https://telesud3.com/

Scrivi il tuo commento