San Vito punta alla «Riserva Biosfera Unesco»

SAN VITO LO CAPO. Per la fascia costiera che da Trapani arriva a Castellammare del Golfo si punta alla Riserva della biosfera Unesco. Da San Vito Lo Capo parte l’idea di costituire proprio su tutto il territorio che, partendo dal capoluogo arriva a Castellammare, attraversando anche San Vito, la prima riserva del genere in Sicilia, l’undicesima in Italia. «In questa fascia ricadono le riserve naturali dello Zingaro e di Monte Cofano, due perle della natura, l’ambiente è stato difeso e la costa è ancora pressoché integra, perché non candidarci a questo prezioso riconoscimento internazionale? Ritengo che i presupposti ci siano tutti» spiega Matteo Rizzo, sindaco di San Vito lo Capo, comune capofila del progetto che ha preso ufficialmente le mosse con un convegno tenutosi a Macari presso la sede dell’associazione “Acqueruci”, in videoconferenza con l’Unesco rappresentata dal funzionario Salvatore Aricò.

Coinvolti in questo ambizioso progetto i comuni di Castellammare del Golfo, Custonaci, Valderice ed Erice, e la direzione delle Riserve naturali dello Zingaro e di Monte Cofano. Il prossimo incontro servirà per le adesioni ufficiali. Ancora il sindaco Rizzo: «Contiamo sulla loro partecipazione – dice – ma in ogni caso il progetto lo porteremo avanti, con un territorio più o meno vasto». Quello di Riserva della biosfera è un riconoscimento che l’Unesco può assegnare così come quello di patrimonio dell’umanità: si tratta di aree di ecosistemi terrestri, costieri e marini in cui attraverso un’appropriata gestione del territorio si perviene alla conservazione dell’ecosistema e della sua biodiversità, con l’utilizzo sostenibile delle risorse naturali, tutto a beneficio delle comunità locali.

Fonte: www.gds.it

 

Scrivi il tuo commento