Spezzare l’incantesimo

Dopo il pareggio in terra cosentina per 1 a 1, la Reggina di Agenore Maurizi sarà la prossima avversaria del Trapani. La squadra amaranto si trova al quattordicesimo posto in classifica, con 28 punti al fronte delle 6 vittorie, 10 pareggi e 9 sconfitte. Nella formazione titolare, Maurizi può contare sulle capacità del suo giovane portiere Tommaso Cucchietti. Nelle ultime partite, la difesa composta da Pasqualoni, Ferrani e Laezza, ha subito pochi gol e può contare su Armeno nella fascia destra e su Hadziosmanovic nella fascia sinistra. A centrocampo la situazione è molto differente. Infatti, per questa sfida, sono in dubbio Giuffrida che si è fermato durante l’allenamento, Fortunato e Marino. Le uniche certezze sono il capitano Castiglia, Mezavila, Provenzano, Amato e il trequartista Garufi. La Reggina, ha il secondo peggiore attacco della serie C con 18 gol, dietro soltanto all’Akragas che ne ha 16. Eppure, Maurizi, può contare su Sciamanna, Tulissi, Bezzicheri, Samb, la punta centrale Bianchimano e una vecchia conoscenza della squadra granata, Claudio Sparacello. I precedenti, allo Stadio Oreste Granillo, sorridono alla squadra amaranto in virtù delle 15 vittorie, 9 pareggi e nessuna vittoria della squadra granata. L’ultimo precedente a Reggio Calabria è stato nella stagione 2013/2014 in serie B, quando il match finì 1 a 1 con le reti, per il Trapani Mancosu, per la Reggina Barillà. L’ultima vittoria della squadra amaranto in casa, risale alla stagione 1985/1986 in serie C2 quando il match finì 6 a 1. Il Trapani ha l’arduo compito di spezzare l’incantesimo a Reggio Calabria e portarsi a -2 dal Catania. All’andata il match finì 3 a 0 per il Trapani.

Fonte: www.telesud.com

Scrivi il tuo commento