Teatro devastato

Il “Tito Marrone”, la struttura attigua al Polo universitario di Trapani, da anni non più in funzione, in questi mesi è stato vandalizzato e depredato degli impianti e dei cavi elettrici. Ingenti danni. Adesso la priorità è innanzitutto mettere in sicurezza la struttura evitando altre azioni vandaliche. Per la sua gestione sta prendendo piede una ipotesi di gestione congiunta tra Ente Luglio Musicale e FondazioneEriceArte, in una sinergia tra i Comuni di Trapani e di Erice.

Vetri distrutti lasciati per terra, impianti portati via, fili e tubi che escono dalle pareti. Nella grande platea tutta rossa con mille posti a sedere, la più grande struttura coperta presente a Trapani con questa capacità, è un totale quadro di abbandono. In questi mesi di chiusura la struttura è stata letteralmente saccheggiata. A quanto pare si conterebbero oltre venti episodi di furti e danneggiamenti: sono stati portati via i cavi di rame degli impianti, le pompe di calore, le strumentazioni della regia che si trova sopra l’ingresso. E la moquette della platea è tutta bagnata per l’acqua che fuoriesce dai tubi delle pompe dei climatizzatori. Un autentico scempio insomma. I danni sono davvero ingenti, come emerso ieri nel corso del sopralluogo fatto dal sindaco di Erice Daniela Toscano assieme al presidente del Consiglio comunale Giacomo Tranchida, l’attrice e presentatrice Vanessa Galipoli ed i rappresentanti della Genio Civile di Trapani quelli della Fondazione Erice Arte e Luglio Musicale Trapanese. Per la riapertura del teatro dell’Università si punta infatti ad una sinergia tra i Comuni di Trapani ed Erice attraverso il Luglio Musicale e la Fondazione. Intanto però c’è da sistemare l’intera struttura, di proprietà della Regione. E la spesa potrebbe essere piuttosto ingente, come evidenziato dal consigliere delegato del Luglio Musicale Giovanni De Santis.
La questione teatro è stata al centro di un incontro con l’assessore regionale all’economia Gaetano Armao che si è tenuto qualche giorno fa a Palermo. La riunione è stata aggiornata al prossimo 29 gennaio. Ma dopo il sopralluogo di queste ore è emersa chiaramente l’esigenza di procedere immediatamente alla messa in sicurezza della struttura, con un investimento previsto, in base alla perizia fatta dal Genio Civile di Trapani, di 140 mila euro. Ma manca la copertura finanziaria. Dal Comune di Erice, il sindaco Daniela Toscano ed il presidente del Consiglio comunale Giacomo Tranchida, si sono però detti pronti a mettere a disposizione da subito l’importo di 100 mila euro, come anticipazione per la futura compartecipazione tra la sua Fondazione e l’Ente luglio per la gestione del teatro.

Fonte: http://www.telesud3.com

Scrivi il tuo commento