TRAPANI, SCOPERTO UN CANILE-LAGER

E’ un estenuante braccio di ferro che ormai va avanti da tre giorni per salvare quindici cani detenuti in un canile-lager, realizzato nelle campagne di Trapani, che sono in pericolo di vita. Ma in pericolo è anche la salute degli abitanti di via Matteo Baviera, nella zona di Porticalazzo, perché gli animali sono affetti, come riscontrato dai veterinari dell’Asp, da gravi malattie trasmissibili all’uomo.
Questa mattina, un nuovo capitolo. Enrico Rizzi, presidente nazionale del Nucleo italiano tutela animali, ha ricevuto una telefonata dei vigili urbani, mentre portava da mangiare ai  randagi che si trovano ancora nel rifugio. “Ci sono quindici cani da salvare – la dua denuncia – e nessuno fa niente”.
In via Matteo Baviera, in un immobile diroccato c’è di tutto. Cani, lasciati senza né acqua, nè cibo, carcasse di moto e auto, spazzatura, animali morti, ratti. Riscontrata anche la presenza di amianto.  Le condizioni igienico-sanitarie sono al limite della precarietà. La puzza arriva fino dentro le case circostanti, allarmando gli abitanti che, questa mattina, hanno fatto sentire la propria voce: “temiamo di poter contrarre malattie infettive”.
Grazie all’intervento di Enrico Rizzi, che per attirare l’attenzione sulla situazione di degrado si è dovuto arrampicare sul muro dell’immobile per protesta,  sette cani sono stati recuperati. Quattro, però,  sono deceduti mentre   altri quindici sono ancora lì.  Una vicenda grottesca  destinata ad avere strascichi giudiziari. Il giovane animalista, infatti, ha presentato denuncia ai carabinieri ipotizzando il reato di omissione d’atti d’ufficio da parte di due dirigenti comunali.

Fonte : http://www.telesud3.com

Scrivi il tuo commento