TROVATA NUOVA PIANTAGIONE DI MARIJUANA. ARRESTATO MARSALESE

Nella serata di  giovedì 26 luglio, i Carabinieri della Stazione di San Filippo di Marsala, guidati dal Maresciallo Maggiore Francesco Vesuvio, hanno rinvenuto, all’interno di una villetta in Contrada Bosco,  nascoste all’interno del giardino, una coltivazione composta da 860 piante di marijuana.

In manette un marsalese: V. G. U., già noto alle forze dell’Ordine per precedenti di eguale natura.

Nello specifico, al termine di un mirato e fruttuoso servizio di osservazione, finalizzato al contrasto della produzione e del commercio di sostanze stupefacenti, all’interno del giardino della villetta di proprietà del criminale, veniva ritrovata una vera e propria coltivazione di piante illecite, suddivise ed ordinate per file, annaffiate regolarmente da un preciso sistema di irrigazione e  controllate 24 ore su 24 da un sistema di video sorveglianza che, in tempo reale, permetteva al V. G. U di assicurarsi che nessuno si avvicinasse al suo immobile, sfuggendo persino ad eventuali controlli delle forze dell’ordine.

All’interno della proprietà, i militari dell’Arma hanno rinvenuto un fucile automatico calibro 12 a canne mozze con le relative munizioni ed oltre 100 grammi di  Marijuana, già essiccata e pronta per essere messa in commercio sul territorio. L’accortezza investigativa dei Carabinieri, inoltre, insospettiti dalla presenza di tre proiettili calibro 7,65, all’interno dello stabile, ha consentito di estendere la perquisizione presso un’altra abitazione di proprietà del V. G. U, dove infatti veniva ritrovata una pistola scacciacani con canna alterata, quindi resa pienamente offensiva.

L’imputato, accompagnato presso la Stazione Carabinieri di San Filippo di Marsala, al termine delle formalità di rito, è stato dichiarato in arresto per produzione di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di arma da fuoco e trasportato presso il carcere di Trapani, in attesa della conferma dell’arresto da parte del Giudice Lilybetano che si esprimerà nei prossimi giorni.

Il sequestro di questa piantagione va a dare la conferma dell’immenso impegno che la Compagnia dei Carabinieri di Marsala dedica alla lotta della produzione e del commercio delle sostanze stupefacenti, grazie alla rappresentazione sul territorio marsalese, di costanti servizi di prevenzione e controllo,  favoriscono la prevenzione che quantitativi di sostanze illecite possano convergere  nelle piazze di spaccio dell’intera Provincia.

Scrivi il tuo commento