Via Libica a Trapani, chiudono i cantieri: boccata d’ossigeno per i commercianti

TRAPANI. Potrebbe finalmente concludersi l’odissea di via Libica a Trapani. Le riparazioni dopo i cedimenti delle condotte di sollevamento che dalla stazione di pompaggio di via Marsala adducono i reflui all’impianto di depurazione consortile sono quasi ultimati, manca solo quello più vicino al depuratore che, però, essendo nel pieno della riserva delle saline di Trapani e Paceco gestita dal Wwf, deve essere trattata con le dovute attenzioni per evitare possibili riversamenti di acque nere all’interno della riserva.

La direttrice Anna Giordano della Riserva ha dichiarato: «Abbiamo mandato più missive nei mesi al comune – continua Anna Giordano – per sottolineare come la situazione sia molto critica. Il commissario Messineo ci ha assicurato che presto i lavori porteranno alla risoluzione del problema che dal punto di vista ambientale è gravissimo. Non si può pensare che una strategia di emergenza come lo scarico a mare dei liquami possa diventare una regolarità. Questo modifica l’ambiente e distrugge l’ecosistema».

Il cantiere di fronte il polo commerciale Le Saline è stato chiuso, per la gioia dei commercianti che sono esasperati dalla situazione. Le riparazioni del cantieri davanti la ditta Girasole sono state completate ed ora si passerà all’interramento e alla bitumatura, una chiara boccata d’ossigeno che però non sarà completa finché non verrà riaperto quello che è stato temporalmente il primo cantiere: a cinquanta metri dall’autoparco comunale.

Fonte : http://trapani.gds.it

 

Scrivi il tuo commento