TRAGEDIA A DATTILO, VITTIMA UNA DONNA DI 56 ANNI

Una donna, residente a Dattilo, ha perso la vita in un incidente stradale. Ferita la figlia che era in auto con lei.

Sanguinante, sul ciglio della strada, piangeva e urlava. Urlava con quanto fiato aveva in gola mentre la sua mamma stava morendo. Mariangela Novara,  22 anni, era in auto con lei quando la Matiz Chevrolet – condotta dalla donna – è finita fuori strada, ribaltandosi. Mariangela ha riportato contusioni ed escoriazioni in diverse parti del corpo. Niente di grave, insomma. La madre,  Francesca Liggiato, 56 anni, casalinga, invece, non ha avuto scampo. I soccorritori l’hanno rinvenuta, priva di vita, su un appezzamento di terreno a circa 20-25 metri dalla macchina ridotta ad un ammasso di ferraglia.

La tragedia si è consumata, ieri,  sulla Provinciale Paceco-Dattilo, a circa 200 metri dall’intersezione con la via Salemi. La vittima era alla guida della  Chevrolet e si stava dirigendo da Dattilo- dove abitava –  verso Paceco, assieme alla figlia. Dopo aver abbordato una curva, la macchina – per cause che sono ancora in corso di accertamento – ha invaso la corsia di marcia opposta, andandosi a schiantare contro un terrapieno. La Chevrolet è cappottata, finendo poi in un fondo agricolo.  Francesca Liggiato, nell’impatto, è stata sbalzata dall’abitacolo. Scattato l’allarme sono giunti gli agenti della polizia municipale di Paceco e le ambulanze  del 118. Per la donna, però, ormai non c’era più nulla da fare. La ragazza è stata subito accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Antonio Abate. Guarirà in pochi giorni, ma ci vorrà molto più tempo per riprendersi dal trauma subito per la perdita della madre, morta davanti ai suoi occhi.

Cosa si accaduto è ancora da accertare. Forse Francesca Liggiato, colta da malore, ha perso il controllo della Chevrolet, ovvero è stata tradita da un colpo di sonno. Ipotesi al vaglio della polizia municipale. Da escludere, invece, il coinvolgimento di altri mezzi.  L’incidente è stato autonomo.

Fonte:www.telesud3.com

 

Scrivi il tuo commento